FIFPro su questione multe Napoli: “Intenzione di trattenere gli stipendi priva di veri motivi”

Condividi

La questione legata alle multe recapitate ai calciatori del Napoli da parte della società sta senza dubbio facendo parlare di se. In molti si sono espressi sulla questione e lo stesso ha fatto il sindacato mondiale dei calciatori. Quest’ultimo è intervenuto a totale difesa dei calciatori, multati a loro avviso senza nessun motivo valido. Questo quanto scritto:

“L’intenzione del Napoli di trattenere gli stipendi dei giocatori è priva di validi motivi ed è contestata collettivamente. FIFPro e Assocalciatori lavoreranno insieme per garantire che i calciatori non subiscano ulteriori abusi e intimidazioni da parte del club di Serie A.

Riteniamo che la decisione del Napoli di vietare ai giocatori di tornare a casa dalle proprie famiglie, dopo il match contro il Salisburgo, fosse ingiustificata. Come ogni altro dipendente, anche i calciatori professionisti hanno il diritto di vedere garantita la propria vita privata, soprattutto in considerazione del calendario di impegni già molto folto che obbliga molti giocatori a stare fuori di casa e lontani dai propri familiari per lunghi periodi. I motivi per cui il Napoli chiede l’applicazione di multe, in seguito al rifiuto dei giocatori di seguire istruzioni irragionevoli, contraddicono le disposizioni nell’accordo di contrattazione collettiva in ItaliaI giocatori del Napoli non possono essere soggetti a decisioni arbitrarie di una società delusa quando il risultato di una partita è stato insoddisfacente. Supporteremo Carlo Ancelotti e i giocatori del Napoli in questo periodo complicato. FIFPro e Assocalciatorilavoreranno insieme per garantire che i calciatori non subiscano ulteriori abusi e intimidazioni”.