Brescia, Grosso: “So qual è la strada giusta per uscire da questa crisi”

Condividi

Dopo la sconfitta 3-0 contro l’Atalanta, Fabio Grosso ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Ecco le sue dichiarazioni: “Non è facile la situazione. Abbiamo affrontato la partita con un po’ di timore, poi gli avversari ne hanno approfittato. Però voglio tenermi la reazione della ripresa, abbiamo anche creato occasioni per rimettere in piedi la partita. Poi abbiamno pagato gli errori”.

I fischi dei tifosi?
“Io non sono arrivato da tanto, so che c’è bisogno di tempo e lavoro per costruire qualcosa di grande. Con il coraggio del secondo tempo e un po’ di spregiudicatezza siamo comunque riusciti a mettere in difficoltà una squadra molto più avanti di noi”.

Le prossime partite?
“Dobbiamo giocarci le carte per il raggiungere il nostro obiettivo contro le prossime avversarie. Giocando come nel secondo tempo possiamo avere qualche possibilità”.

Il cambio di modulo?
“Ho in mente una strada per costruire qualcosa, ma c’è bisogno della partecipazione di tutti. Il fatto è che quando giochi con avversari del genere è difficile portare a casa un risultato. Non è facile quando ci sono montagne così grandi da scalare, ancora di più se giochi con un po’ di preoccupazione. Nel secondo tempo siamo saliti come baricentro, purtroppo gli episodi non sono andati a nostro favore. Però io credo nei miei ragazzi, abbiamo tanti esordienti e a volte si vede. Abbiamo bisogno di una scintilla che possa cambiare il nostro futuro”.

Da dove ripartire?
“Io riparto da quello che abbiamo proposto a Roma e oggi nel secondo tempo. Dobbiamo imparare a restare dentro tutta la partita, a concedere meno”.

L’Europeo?
“L’Italia viene da un percorso interessante. Proponiamo giocatori di qualità in tutte le zone del campo. Quindi sono convinto che grazie a lavoro di Mancini potremo toglierci delle soddisfazioni anche la prossima estate. Balotelli in Nazionale? Al momento ho altre priorità. Pensiamo a cosa fare noi, non vado oltre”.