TUTTI IN REPARTO – Ogni maledetta domenica…

Focus On Prima Pagina SERIE A
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

…o meglio, ogni maledetto sabato!

Eh sì, perchè proprio sabato (causa Champions infrasettimanale), sia la Juventus che l’Inter hanno anticipato il loro impegno di campionato.

Ed entrambe, purtroppo, hanno visto alcuni dei loro giocatori uscirne un po’ malconci.

 

Partiamo dall’Inter.

Nicolò Barella è uscito al termine del primo tempo, a causa di una distorsione al ginocchio destro, e gli esami strumentali effettuati hanno evidenziato un distacco di un frammento cartilagineo della rotula.

Trattamento chirurgico obbligatorio, in questo caso: lasciare un corpo libero in un’articolazione non è compatibile con qualsiasi attività quotidiana, figuriamoci nella pratica sportiva.

Va detto però che si tratterà di una semplice artroscopia, pratica poco invasiva e che garantisce sia buoni risultati che tempi di recupero accettabili.

Per lui si prospetta circa un mese di stop.

 

Veniamo alla situazione in casa Juventus.

Douglas Costa ha subito una lesione di basso grado del semitendinoso della coscia destra: dietro questo nome, si cela un muscolo la cui funzione è essenziale per la buona riuscita di tutti i movimenti dell’arto inferiore.

Nulla di grave comunque: il brasiliano dovrà pazientare per circa due settimane prima di tornare all’attività agonistica.

Di meno facile interpretazione, invece, sono gli infortuni occorsi a De Ligt e Bernardeschi.

Il primo è incappato in una lussazione della spalla destra, evento per cui dovrà essere valutato quasi quotidianamente: prima di rientrare; bisognerà assicurarsi che non ci sia il rischio di incorrere in recidive, molto frequenti in questo tipo di situazioni.

Difficile quindi pronunciarsi sullo stop, che ad ogni modo non sarà lunghissimo.

Federico Bernardeschi, invece, soffre di un trauma (non meglio specificato) all’emitorace destro: anche per lui la rivalutazione, prima del rientro, sarà quasi quotidiana.

Lo staff medico bianconero dovrà sia attendere che il giocatore abbia riassorbito eventuali ematomi (purtroppo non ci è dato sapere se ci siano o meno), sia poi testare che la funzione respiratoria non abbia ripercussioni.

Attendiamo dunque il loro ritorno in campo!