Italia – Armenia 9-1: l’uragano azzurro chiude in bellezza

Calciomercato
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

A Palermo l’Italia contro l’Armenia cerca la decima vittoria nel girone di qualificazione a Euro 2020.

Dopo appena nove minuti la gara è già virtualmente chiusa, perché gli uomini di Roberto Mancini, dopo avere preso le misure con i guantoni di Sirigu su Babayan, trovano praticamente subito la via della rete. Chiesa dalla sinistra centra per Immobile che, tutto solo, appoggia in porta di testa. Neanche il tempo ricominciare che Immobile pesca Zaniolo che, sulla corsa, non viene contenuto dagli avversari e sigla il goal del 2-0.

Nonostante il doppio vantaggio gli azzurri continuano ad attaccare. I difensori armeni concedono enormi spazi ai nostri attaccanti, al 18′ Immobile si divora la doppietta con il portiere Ayrapetyan che esce dai pali e gli sradica il pallone dai piedi. Al 22′ leggerezza di Bonucci che regala il pallone a Karapetyan, che prova a sorprendere Sirigu con un pallonetto dalla distanza che sbatte sulla traversa. Al 29′ il difensore della Juventus si fa perdonare con un lancio lungo chirurgico per Barella che si fa trovare al posto giusto nel momento giusto trovando il goal del 3-0. L’assedio azzurro continua: Chiesa al 31′ scheggia il palo. Due minuti più tardi, invece, Immobile fa doppietta e cala il poker.

Nella ripresa il ct Mancini getta nella mischia Orsolini richiamando in panchina Barella. Il dominio totale e incontrastato degli azzurri continua e al 57′ Chiesa colpisce il secondo legno della serata, sette minuti più tardi arriva la doppietta anche per Zaniolo: Jorginho gli regala un cioccolatino che il giocatore della Roma non può assolutamente sciupare. Nel giro di sedici minuti il tabellino si aggiorna in maniera costante. Al 72′ Romagnoli, su azione d’angolo, trova il goal del 6-0. Tre minuti dopo dal dischetto Jorginho trova la settima rete azzurra. Succesivamente arrivano le prime gioie azzurre per Orsolini e Chiesa intervallate dal goal della bandiera armena di Babayan che fissano il risultato finale sul 9-1. Un girone di qualificazione dominato con annessa ciliegina finale per il Mancio e i suoi azzurri.