B. Monchengladbach, Rose: “Siamo ancora in gioco”

Condividi

Il tecnico del Borussia Monchengladbach Marco Rose è intervenuto in conferenza stampa dopo la vittoria per 2-1 agguantata negli ultimi istanti del match contro la Roma. Queste le parole dell’allenatore dei tedeschi, riportate da tuttomercatoweb.com:

E’ la terza volta che vincete nel recupero, è una coincidenza?
“Noi ci crediamo sempre. Non si può allenare questo. Noi scendiamo sempre in campo con la voglia di vincere e ci crediamo sempre fino alla fine. Ce la giochiamo sempre fino in fondo”.

Questi gol nel recupero è bello o pesa perché deve aspettare fino alla fine per esultare?
“Io sono contento come tutta la squadra, è importante vincere, anche nel finale”.

Dove può migliorare ancora Thuram?
“Lui è sempre pericoloso ed è un grandissimo giocatore. Quello che può migliorare ma oggi l’ha fatto, è quello di fare gol anche di testa. Ma non è un problema per oggi”.

Plea è entrato e ha fatto l’assist, quanto è importante per la squadra?
“Tutti i nostri giocatori sono importanti. Lui può essere spesso decisivo. Oggi abbiamo avuto questa opzione in più di mandarlo in campo stasera rispetto alla gara d’andata ed è stato decisivo anche stasera”.

Ha cambiato spesso modulo nel corso della gara, ci può spiegare questi cambi in corsa?
“All’inizio della partita avevamo un’idea precisa che ha funzionato anche bene. Volevamo vincere molti scontri di gioco e fermare la costruzione di gioco della Roma. Poi abbiamo perso un po’ la gestione della partita e abbiamo cercato di chiudere più gli spazi, ma quando vinci penso che fai tutto bene”.

Lei come valuta la situazione del girone?
“Io in matematica non sono mai stato bravo ma penso che con due vittorie possiamo qualificarci per i sedicesimi. Siamo ancora in gioco ed è una buona cosa. Adesso però dobbiamo pensare al Wolfsberger e dovremo fare una partita molto più buona rispetto alla gara d’andata”.

Thuram ha giocato sempre, pensava di farlo uscire un po’ prima?
“Ha giocato tutti e 95 minuti perché abbiamo avuto un cambio forzato nel primo tempo. Avremmo voluto dargli un po’ di respiro ma in una gara come questa lasciarlo fuori anche per poco sarebbe stato comunque complicato”.

La sua squadra ha segnato 4 gol in Europa League di cui un rigore e un autogol, dunque sono solo due i gol segnati dalla squadra: che ne pensa?
“Ma che domanda è? Per me è uguale segnare in questo modo o in un altro. Non importa come si segna, ma che si segni”.

La vittoria di oggi è importantissima perché avete battuto una squadra italiana molto forte.
“Era un compito difficile e lo sapevamo. Volevamo però rientrare per la qualificazione. Abbiamo giocato contro una grandissima squadra ma noi abbiamo giocato un primo tempo fantastico e potevamo fare più gol prima di perdere un po’ il controllo. Alla fine abbiamo vinto e tutta la squadra ha dimostrato di aver giocato una partita fantastica”.

Domenica giocherete contro il Werder Brema, prevede dei cambi anche visti i tanti infortuni dell’ultimo periodo?
“Sono partite importanti e questa vittoria aiuta la squadra. Cercheremo di mettere in campo delle forze fresche in Bundesliga per cercare di vincere ancora”.