A-TEAMS – Inter, una squadra da record che autorizza a sognare!

Condividi

Una delle protagoniste annunciate all’inizio di questo campionato era l’Inter di Antonio Conte. Quest’ultimo è sempre stato l’uomo capace di riportare le squadre in cui è stato dove meritavano di essere (prendendo spunto da un suo virgolettato in una delle ultime conferenze stampa), e fino ad oggi le previsioni sono state rispettate. 28 punti in 11 partite sono un ruolino di marcia davvero interessante e che possono far sperare i tifosi nerazzurri in un campionato finalmente combattuto, così come non si ricordava da anni. La mano di Conte c’è, quella del mercato anche, e così che la classifica sorride in casa nerazzurra, nella speranza che la classifica europea sorrida ancor di più in vista del match cruciale di domani contro il BVB.

Un inizio di stagione all’insegna del numero “6”

I record battuti dalla squadra del tecnico leccese in questo avvio di stagione consente di nominare l’Inter come l’unica seria candidata ad oggi al ruolo di anti-Juve.

Le prime 6 giornate di campionato sono state full power, con bottino pieno e 18 punti sui 18 disponibili. Un dato che alla squadra nerazzurra mancava dal lontano 1966-1967, ai tempi della grande Inter di Helenio Herrera. In quel caso non fu Scudetto, ma un dato del genere riporta un interessante 73% dei casi in cui la squadra a punteggio pieno nelle prime 6 ha vinto il Tricolore.

Altro dato impressionante è sempre all’insegna del numero “6”. 6 su 6 infatti sono anche le vittorie in trasferta in questo campionato, l’unica squadra in Europa a detenere questo stato di forma inviolato fuori dalle mura amiche.

Numeri e statistiche che in proiezione portano ad una proiezione di 96 punti alla fine delle 38 giornate (con l’attuale media punti di 2,54). È chiaro che un ritmo così elevato è quasi impossibile da tenere per il prosieguo della stagione, considerando anche gli impegni delle Coppe, ma senza dubbio l’Inter è tornata protagonista. Ma ad uno come Conte, ciò non basta: i tifosi sono autorizzati a sognare!

Lukaku fa il “Fenomeno”: è il vero trascinatore

65 sono i milioni, al netto di vari ed eventuali bonus, che sono serviti a Suning per strappare Romelu Lukaku al Manchester United. Una somma che il campo ha dimostrato che è più giustificata, soprattutto per Antonio Conte che mai ha nascosto la sua ammirazione nei confronti del belga sin dai tempi del Chelsea.

In queste 11 partite l’ex United ha collezionato 9 marcature: soltanto Ronaldo “il Fenomeno ha fatto altrettanto nella sua prima stagione in nerazzurro nel 1997-1998. Un rendimento che ha contribuito non poco in questo inizio scoppiettante della squadra, con una partecipazione al computo totale dei gol del 37%. Niente male per un giocatore che dalle parti di Manchester è stato ritenuto non idoneo, ritenendosi addirittura felice di averlo ceduto. Una scommessa persa dagli inglesi, vinta alla grande dall’Inter.

In Germania c’è da sistemare il discorso Champions

Quella di domani contro il Borussia Dortmund sara una partita fondamentale per il destino in Champions dell’Inter. Entrambe le squadre sono a 4 punti nella classifica del girone F (Inter avanti al momento nello scontro diretto contro i tedeschi). I 3 punti sono obbligatori se si vuole proseguire verso la fase ad eliminazione diretta, per poi cercare la vittoria con una tra Slavia Praga e Barcellona.

Conte con ogni probabilità riconfermerà il 3-5-2 che tanto sta facendo bene fino ad adesso, con il trio difensivo Godin-de Vrij-Skriniar davanti a Samir Handanovic. A centrocampo ritorna la grande sorpresa del mercato estivo Stefano Sensi che supporterà insieme a Barella, Brozovic, Asamoah e Candreva, la coppia d’attacco Lautaro-Lukaku.

Il ritmo riscontrato in Serie A è da riconfermare anche in campo internazionale. Lo sanno bene ad Appiano Gentile, così come in Germania che sono nella stessa situazione. I gialloneri tenteranno in ogni modo di guastare i sogni di gloria degli interisti, ma quest’ultimi hanno dimostrato di saper lottare ed essere incisivi nei momenti chiave. Una caratteristica che non dovrà mancare soprattutto nella serata di domani.