TUTTI IN REPARTO – Focus infortuni Serie A

Focus On Prima Pagina SERIE A
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Periodo di grande impegno per ortopedici, medici dello sport e riabilitatori: tanti i giocatori che sono stati costretti a fermarsi nell’ultimo mese in tutta la Serie A.

Per gli esperti del settore, c’è poco da meravigliarsi. In base ad uno studio UEFA del 2012/2013, infatti, solo in agosto ed in novembre si registrano più infortuni che in ottobre (cfr. “UEFA ELITE CLUB INJURY – SEASON 2012/2013 REPORT”, Professor Jan Ekstrand).

I più gravi sono stati quelli di Alexis Sanchez (Inter), Daniele Dessena (Brescia), Nikola Kalinic e Bryan Cristante (Roma) ed in ultimo Kevin Malcuit (Napoli).

Il primo, durante l’amichevole Colombia – Cile del 12 ottobre, ha subito la lussazione del tendine peroneo lungo della caviglia sinistra. Non appena avuta certezza dell’entità del trauma, lo staff medico, d’accordo con il calciatore, ha deciso di procedere all’intervento chirurgico. Sarà assente dai campi di gioco fino a metà-fine gennaio.

Il secondo, durante Brescia – Fiorentina del 21 ottobre, si è reso, suo malgrado, protagonista di quello che tutti temevano fosse un DÉJÀ-VU. Già nel 2015 il centrocampista aveva subito un grave infortunio (frattura composta di tibia e perone). Stavolta la diagnosi è (fortunatamente, se così si può dire) meno grave: frattura del malleolo della caviglia destra. I suoi tempi di recupero vanno dai 3 ai 4 mesi. Pertanto gli auguriamo di essere nuovamente in campo entro il prossimo febbraio.

Per la Roma invece, la partita contro la Sampdoria del 20 ottobre si è rivelata particolarmente infausta. Nikola Kalinic si è procurato una frattura della testa del perone della gamba sinistra che, con tutta probabilità, lo costringerà a rientrare dopo la pausa natalizia. Bryan Cristante, invece, ha subito il distacco del tendine del muscolo adduttore della coscia destra. Sebbene sia difficile effettuare una previsione accurata (perchè lo staff medico ha deciso di optare, almeno inizialmente, per una terapia conservativa), per lui si possono prospettare anche 4 mesi di stop.

Più grave purtroppo l’incidente occorso a Malcuit. Durante Spal – Napoli, il terzino destro dei partenopei si è lesionato il legamento crociato anteriore ed il menisco mediale del ginocchio destro

Come già scritto in occasione dell’infortunio di Davide Zappacosta, i tempi di recupero si aggirano intorno ai 6 mesi. Considerato però che, a questo punto, il giocatore sarebbe disponibile solo per l’ultimo mese di campionato, non è da escludere l’ipotesi di dilatare i tempi e rimandare il suo ritorno a pieno regime direttamente alla prossima stagione, per non rischiare inutili recidive.