A-TEAMS – Roma, involuzione offensiva e infortuni

Roma SERIE A Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Trasferta negativa per i giallorossi in quel di Genova, i capitolini hanno affrontato allo Stadio Luigi Ferraris la Sampdoria guidata dal neo tecnico, e grande ex, Claudio Ranieri. Pareggio a reti inviolate, doppio infortunio nei primi 45′ ed espulsione per Justin Kluivert.

Continua la pareggite:

Salgono a tre i pareggi consecutivi tra Serie A ed Europa League, ben quattro sono quelli totali in A, diventando così la squadra con più pareggi fino ad ora. A Genova si è vista una squadra totalmente spenta, assente. I giallorossi, privi di Fonseca per squalifica, impattano contro gli undici schierati da mister Ranieri al suo esordio da tecnico dei doriani. Palese l’involuzione offensiva dei capitolini, i quali hanno messo a segno due reti nelle ultime cinque partite, dato preoccupante che fa e farà riflettere il tecnico sul da farsi. Uno dei motivi potrebbe sicuramente essere la mancanza di uomini chiave, di ricambi che possano permettere la freschezza giusta sotto la porta avversaria. Il quarto posto, obiettivo dei capitolini, dista tre punti, attualmente la posizione è occupata dal Napoli di Ancelotti. Anche i giallorossi nelle prossime settimane saranno impegnati in un durissimo tour de force, composto da match particolarmente difficili. Giovedì all’Olimpico gli uomini di Fonseca affronteranno il Borussia Monchengladbach in EL per poi ritrovare la Serie A tre giorni dopo, dove affronteranno il Milan di Pioli. Nel turno infrasettimanale della prossima settimana ci sarà l’ostica trasferta della Dacia Arena, contro l’Udinese, successivamente scontro diretto contro il Napoli e ritorno in Germania con il Borussia.

Capitolo infortuni:

La Roma a Marassi è scesa in campo orfana di Dzeko dal 1′, costretto poi ad entrare per sostituire, dopo solo un tempo, l’acciaccato Kalinic. A mancare sono anche: Mkhitaryan, Pellegrini e Under, uomini chiave nello scacchiere del tecnico portoghese, ex Shakhtar Donetsk. A queste si sommano le lunghe assenze di Diawara e Zappacosta, pedine che permettevano turnover tra le due competizioni. Nei primi 45′ di gioco la Roma è stata costretta ad effettuare due cambi, per sostituire gli infortunati Kalinic e Cristante. Per entrambi i calciatori non si tratta di semplici contusioni ma di infortuni veri e propri. All’attaccante croato servirà un mese e mezzo per recuperare dalla frattura dalla testa del perone riportata nei controlli effettuati al termine del match. Per il centrocampista, invece, la situazione è ancor più grave, si prospetta un lungo stop, tempi doppi rispetto al primo. Infatti saranno almeno tre i mesi di stop con appuntamento con il campo da gioco rinviato al 2020. Il centrocampista ex Atalanta ha riportato un distacco del tendine dell’adduttore destro.