#LBDV – Falcao, l’ottavo Re di Roma

Condividi

Il 16 ottobre non è un giorno come gli altri a Roma. È il compleanno di Paulo Roberto Falcao, o più semplicemente, l’ottavo Re di Roma. Il brasiliano di Xanxere ha un posto prestigioso nella storia giallorossa avendo contribuito a scrivere una delle sue pagine più belle.

FALCAO, L’INDESIDERATO

Per un milione e mezzo di dollari, la Roma acquista Falcao dai brasiliani dell’International di Porto Alegre. Era il 10 agosto 1980. Dopo quindici anni, in Italia si riaprono le frontiere del mercato agli stranieri e i giallorossi puntano forte sul brasiliano. Falcao arriva nella Capitale accolto dallo scetticismo dei tifosi che speravano nell’arrivo di un brasiliano si, ma che avesse scritto Zico sulla maglietta. Il primo anno in Italia è caratterizzato da luci ed ombre: solamente 3 reti messe a segno, ma la Roma riesce comunque ad alzare al cielo la Coppa Italia.

FALCAO, L’OTTAVO RE

Il suo secondo anno alla Roma è già migliore del primo. Ma la stagione 1982/83 è quella della consacrazione: sette reti in ventisette partite per lui, che diventa il vero trascinatore dei giallorossi. Falcao è un sontuoso direttore d’orchestra che comanda alla perfezione le note dello spartito giallorosso. Il tecnico Liedholm ha affidato le chiavi del gioco proprio all’ex International, Roberto Pruzzo è il goleador della squadra e il neo campione del mondo Conti uno degli uomini chiave. Il brasiliano prende per mano la Roma e la fa volare: a Pisa segna il gol decisivo che significa Scudetto dopo 41 anni di attesa! È il secondo campionato vinto dalla squadra giallorossa nella sua storia. Addio scetticismo iniziale, benvenuto Ottavo Re di Roma.

GIOCATORE UNIVERSALE

Definito “giocatore universale” da Graziani, Falcao era un regista, che sapeva svolgere alla perfezione sia la fase difensiva che quella offensiva. Il brasiliano era sopraffino nella visione di gioco e nel dettare i tempi. Più che un regista, indossava le vesti di un direttore d’orchestra: per molti suoi compagni era un allenatore in campo, in grado di dirigere alla perfezione gioco e compagni. Nella stagione 1983-84 fu ancora determinante: portò la Roma in finale di Champions League contro il Liverpool. Soltanto la lotteria dei rigori pose fine ai sogni di gloria giallorossi e i reds trionfarono. Il mancato rigore battuto da Falcao è tutta un’altra storia. Con la maglia giallorossa, Falcao ha disputato 107 partite, segnando 22 reti in cinque anni, dal 1980 al 1985. Indimenticabile ed amato, il brasiliano ha scritto per sempre il suo nome nella storia della Magica.


Buon compleanno Falcao, Ottavo Re di Roma.