Juventus, Paratici: “Rakitic non verrà a gennaio”

News Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Fabio Paratici, Chief Football Officer della Juventus ha parlato al margine della premiazione ad Amatrice, è stato premiato come manager dell’anno. Di seguito le sue dichiarazioni riportate da cm.com:

“La vittoria sull’Inter? Il campionato è ancora lungo, quella nerazzurra è la rivale più accreditata per vincere lo scudetto, è stata sicuramente una partita importante per dimostrare a noi stessi che ci siamo, che siamo protagonisti. Anche il Napoli è una squadra molto forte, e penso che l’Atalanta sia al livello di quelle che ho appena citato, può essere il Leicester italiano. Per quanto riguarda la Juve non è facile avere questo tipo di continuità, e per questo devo ringraziare la mia società e i calciatori che abbiamo avuto. Ronaldo lascerà la Juventus tra un anno? Assolutamente no, ora è molto concentrato per raggiungere gli obiettivi che ha, quindi non credo proprio che possa andare via né alla fine della stagione né in seguito. Noi siamo molto felici di lui e lui è molto felice alla Juve. Mandzukic? Abbiamo scelto un periodo in cui potesse stare tranquillo perché c’era la possibilità di un trasferimento in Qatar, ora sceglieremo con lui la migliore situazione possibile. Rakitic a gennaio? No, la rosa è completa ed è una delle migliori d’Europa, siamo contenti dei nostri calciatori. Sarri? Lui è sempre stato saldo alla guida della squadra. Qualche problema di inserimento per De Ligt? Anche Pavel Nedved, quando parla con me, mi ricorda che passando dalla Lazio alla Juve nei primi mesi non si sentiva lui, ma Matthijs ci dare grandi soddisfazioni. Rabiot? Ha avuto un lungo periodo di inattività, dobbiamo dargli solo un po’ di tempo”.

“Il mercato è strano, se avessimo venduto Rugani il giorno prima l’infortunio di Chiellini ci avrebbe messo in difficoltà… Se controllate le liste Champions, tutti giocano con 22-23 giocatori; vi dico anzi cheil numero di giocatori che fanno parte della rosa della Juve è il minore degli ultimi anni. I casi Emre Can e Mandzukic? Noi abbiamo sempre avuto uno-due giocatori fuori dalla lista Champions, sembra che non se ne ricordi nessuno… Un nuovo terzino a gennaio? Direi proprio di no”.