#LBDV – Kulusevski, è nata una stella

Focus On Prima Pagina Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

Finalmente Kulusevski. Quest’estate gli addetti ai lavori di mezza serie A avevano pronosticato un campionato da possibile protagonista per il giocatore svedese. Classe 2000, il centrocampista è di proprietà all’Atalanta  che quest’estate non ha concesso al Parma il minimo spiraglio per qualcosa di più di un prestito secco senza diritto di riscatto. Le parole del ds dei ducali, Faggiano, prima del match erano state chiare e profetiche.

Sono convinto che possa fare sempre meglio. Se sta attento alle piccole cose che può migliorare, può diventare un giocatore importante. Volevamo un prestito biennale ma l’Atalanta non ha lasciato un minimo spiraglio per il riscatto».

Poi è iniziata la partita contro il Torino e Kulusevski, dopo appena 1 minuto e 19 secondi, ha siglato il vantaggio dei gialloblu. Il gol è stato solo il preludio ad una partita sontuosa condita anche da un assist. Nel post partita le sue parole a Sky hanno raccontato qualcosa  di più sul giovane centrocampista.

A quest’età mi fa bene giocare sulla fascia, ma credo che in futuro mi sposterò in zona centrale e farò il trequartista. La fantasia mi è sempre piaciuta: in camera avevo i poster di Ronaldinho, Ibrahimovic e Hazard. Oggi ho trovato gli spazi giusti ed è andata bene. Aspettavo un momento così da tanto. L’Atalanta in Champions? Non andrò a San Siro ma farò il tifo per loro”.

Adesso Kulu deve continuare a crescere, l’ambiente di Parma sembra l’ideale. Ala o trequartista non importa. Quello che conta è che prestazioni come quella di ieri fanno capire che nel firmamento della serie A bisogna far spazio ad una nuova stella. Per adesso se la gode il Parma ma Gasperini guarda da lontano e già gongola.