#LBDV – Consigli, il Para-rigori Oscuro

Condividi

Andrea Consigli è un fuoriclasse nel parare i calci di rigore. L’ultimo malcapitato è stato Roberto Inglese in Parma-Sassuolo, partita poi vinta dagli emiliani nel turno infrasettimanale di Serie A. Il portiere classe 1987, spesso dimenticato dagli addetti ai lavori, non è nuovo a prodezze del genere.

IL PARA-RIGORI OSCURO

“Un pararigori è l’eroe che non ci meritiamo ma di cui abbiamo bisogno”, parafrasando una delle frasi più celebri del capolavoro cinematografico di Christopher Nolan, il portiere è indispensabile per puntare alla vittoria del Fantacalcio: il bonus che regala il rigore parato è una manna dal cielo per i fantallenatori. Nella nostra Serie A, alle spalle dei vari Handanovic, Donnarumma o Szczesny, proprio lì, lì nell’ombra, c’è Andrea Consigli. Nato calcisticamente nell’Atalanta, è alla sua dodicesima stagione in A. Le prime sei ha vestito la maglia nerazzurra della Dea, le altre sei quella neroverde del Sassuolo. Sapete perchè nell’ombra? Perchè Consigli non è il primo nome su cui puntare ad un’asta, ma è uno di quelli che regala (tanti) bonus. In dodici stagioni, infatti, ha parato addirittura 21 calci di rigore! Roberto Inglese, come detto, è soltanto l’ultimo di una lunga lista. Ronaldinho, Immobile o Milito sono soltanto alcune delle celebri vittime che sono sbattute sui guantoni del portiere milanese.

CONSIGLI MCGREGOR

Al 74esimo di Parma-Sassuolo, dopo aver stoppato il rigore di Inglese, Andrea Consigli si è lasciato andare ad una particolare esultanza: sguardo fiero, camminata da duro scuotendo le spalle. La ‘liberazione’ dopo la parata è stata festeggiata imitando The Notorious, il campione dei Pesi Leggeri Conor McGregor. Felicità, ma non solo. Nell’esultanza del portiere c’è anche rabbia: spesso criticato, spesso dimenticato, spesso bistrattato, Andrea Consigli ha voluto mostrare al mondo del calcio che lui c’è. E sa parare i rigori. Un pò di sana arroganza calcistica contro chi lo relega nell’ombra. Un’esultanza per ricordare che lui è uno dei pochi portieri che sono entrati nell’elite del doppio rigore parato in una singola partita: era il 02 settembre del 2012 e Consigli ipnotizzò Larrivey e Conti in un’Atalanta-Cagliari terminata poi uno a uno.

Scusami Nolan se ti tiro, ingenuamente, di nuovo in causa ma Consigli tornerà nell’ombra dei più noti numeri uno “perché lui può sopportarlo. Perché lui non è un eroe. È un guardiano silenzioso. Un Para-rigori Oscuro.”