Roma – Smalling, parla l’intermediario: “Trattativa chiusa in quaranta ore”

News Roma
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

Non ci è voluto molto perché Chris Smalling accettasse le avances della Roma e si recasse in Capitale ad apporre la firma sul contratto. Ed è proprio l’intermediario, Giulio Meozzi, a parlarne ai microfoni di TMW: “E’ stata un’operazione nata e chiusa in 40 ore. Appena ne abbiamo parlato con la Roma c’è stato subito il gradimento – racconta – inizialmente però lo United chiedeva 20 milioni. La richiesta era di quattro milioni più sedici di obbligo, cifra che sarebbe scattata dopo quindici presenze. Poi è stato fatto un gran lavoro che ha portato al prestito secco a tre milioni. Grande operazione perchè alla Roma arriva colui che è stato il capitano dello United per dieci anni. Lui voleva provare una nuova esperienza ed è molto contento. Il campionato italiano è diverso ma saprà adattarsi velocemente”.

Qualche altra curiosità relativa a questo affare?
“Il brivido c’è stato ieri: doveva parlare con Fonseca che lo aveva chiamato, ma non rispondeva. Lo ha chiamato il ds Petrachi e non rispondeva. Lo ha chiamato la moglie e non rispondeva. Allora ci siamo chiesti cosa stesse succedendo. In realtà il suo telefono era spento perchè stava partecipando ad una manifestazione di beneficenza programmata da tempo dal Manchester”.