Lazio, Lazzari: “Posso giocare col tutore”

Condividi

Manuel Lazzari ha partecipato alla prima conferenza stampa da calciatore della Lazio. In questi giorni è stato vittima di un’infortunio alla mano che il giocatore sta affrontando con serenità. È stato anche argomento di discussione durante la conferenza. Ecco le parole di Lazzari:

 “Domenica ho preso una bella botta, ma sono riuscito a operarmi e già non sento più dolore. Ieri mi sono allenato con la squadra ed ero a mio agio, certo dovrò giocare col tutore ma sono a disposizione. L’ho fatto al mio primo anno di Serie A, ci ho giocato per 4 mesi: sono abituato”.

Il salto dalla SPAL alla Lazio?
“Sicuramente è un grande salto, ma farò di tutto per farmi trovare pronto. Voglio essere a livello dei miei compagni, non vedo l’ora di iniziare. Da anni che si parlava della Lazio, appena ho saputo della possibilità di venire non ci ho pensato due volte. Mi sono brillati gli occhi. Ho subito detto la mia volontà al mio agente e alla SPAL”.

Gli obiettivi?
“Quest’anno punteremo alla Champions. La squadra è veramente molto forte, ci sono due giocatori per ruolo che potrebbero essere titolari ovunque. Sono contento di far parte di questo gruppo. Speriamo di partire col piede giusto”.

Sul modulo di Inzaghi:
“Ero abituato, da 4 anni giocavo con questo modulo. Non ho avuto difficoltà nell’ambientarmi, anche grazie ai compagni. Qui però ci sono ritmi altissimi e la qualità è tanta. Segno poco? Forse questo è un punto in cui devo migliorare, me l’ha detto anche Inzaghi che devo fare 3-4 gol l’anno”.

Sul derby:
“Penso sia il derby più bello d’Italia, la gente è molto calorosa. Ogni giocatore lo vuole giocare. Sono felice di essermi operato e poterlo fare”.

Con chi hai legato di più nello spogliatoio?
“Sono tutti bravissimi, non c’è nessuno in particolare. Ovviamente parlando in italiano mi rapporto più con Acerbi, Ciro o Cataldi, il mio compagno di stanza”.