Lazio, niente transfer per Jony. Al Thany promette battaglia “Vogliamo 12 milioni”

Condividi

Sembra non avere una fine la vicenda legata a Jony, il centrocampista arrivato a parametro zero alla Lazio dal Malaga. Anzi ora sembra essere scoppiato il caos, caos alimentato dalle parole battagliere a Marca di Al Thani, presidente del Malaga: “I nostri avvocati se ne stanno occupando. Non sarà permesso alla Lazio di pagarci solo due milioni, vogliamo i 12 previsti dalla sua clausola”. La Lazio si diceva certa di avere il transfer dalla Fifa entro Ferragosto, ma non è arrivato alcun cenno positivo. E ora l’esterno asturiano rischia pure con la Samp l’esordio. Senza l’ok della Fifa non potrà giocare partite ufficiali, anche se la Lazio continua a ostentare tranquillità su Jony, anche se le parole di Al Thani preoccupano: “Il caso di Jony è nelle mani dei nostri nuovi avvocati, che stanno rivedendo tutti i contratti. Noi abbiamo comunicato con il giocatore e la Lazio ma loro, unilateralmente, hanno terminato il suo contratto con il Malaga. Per questo non gli daremo il transfer. Non gli sarà permesso di pagarci solo due milioni, vogliamo i 12 previsti dalla sua clausola. Non ci hanno rispettato. Lo stesso è accaduto con Ricca (difensore passato dal Malaga al Bruges questa estate n.d.r.), ma alla fine il Bruges pagherà il bonifico (di 3 milioni di euro n.d.r). Stiamo verificando tutto. Da qui nasce, in parte, il nostro ritardo sul pareggio di bilancio”.