La Fiorentina presenta Zurkowski, Rasmussen e Terzic

Condividi

Giornata di presentazioni oggi per la Fiorentina. Il club viola, in conferenza stampa, ha presentato Zurkowski, Rasmussen e Terzic, la linea verde del nuovo corso di Vincenzo Montella. Ecco alcune delle loro dichiarazioni:

Zurkowski: “In questa avventura a Firenze voglio fare il meglio possibile. Gli allenamenti negli USA con professionisti di alto livello e con il mister mi hanno arricchito molto, so che ho ancora molto da fare ma sono felice di avere questa opportunità di crescere. La Juventus in passato su di me? Sì, ma con il mio agente abbiamo pensato che sarebbe stato meglio scegliere la Fiorentina In più ho parlato con mio fratello che mi ha detto di avere una sensazione positiva per la Fiorentina, fra l’altro è già venuto a trovarmi. Perché non sono arrivato già a gennaio? Ho deciso di rimanere al Gornik fino a giugno perché eravamo in fondo alla classifica e volevo aiutarli, era la squadra in cui sono cresciuto”.

Rasmussen: “Mi piace giocare con la palla, sono un difensore moderno. Gioco sempre con la testa, non sono troppo veloce di gambe ma penso velocemente. Se c’è un giocatore a cui mi ispiro? Facile: Daniel Agger. Skrtel? Non gioca come Agger, è un po’ diverso, ma anche lui è un difensore fortissimo. Le mie condizioni? Bella domanda. Al momento non posso giocare, ma penso di poter tornare in campo la prossima settimana”.

Terzic: “Sono molto giovane ma voglio giocare qua, aspiro ad essere titolare. Vorrei continuare la mia carriera nella Fiorentina. Se conoscevo Milenkovic e Vlahovic? Sì. Con Milenkovic ho anche giocato insieme in Nazionale, è un mio amico e lo ringrazio. Io paragonato a Kolarov? Mi fa molto piacere, abbiamo lo stesso tiro sinistro, è un mio modello. Ho scelto Firenze perché credo sia il posto migliore in cui crescere. Mi piace molto come Montella lavora con noi”.

In chiusura di conferenza i tre hanno svelato quale numero di maglia vestiranno: Rasmussen avrà il 32 (“lo stesso che avevo a Empoli”), Terzic il 93 e Zurkowski il 27 (“quello con cui ho iniziato la mia carriera professionistica”).