91ESIMO MINUTO – Juventus-Tottenham: promossi e bocciati tra i bianconeri

Focus On Juventus Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Nella splendida cornice dello Stadio Nazionale di Singapore, è andata in scena nel pomeriggio di ieri la prima amichevole della Juventus targata Maurizio Sarri.

All’esordio nella International Champions Cup 2019, i bianconeri si sono trovati di fronte i vicecampioni d’Europa del Tottenham. Gli Spurs, decisamente più avanti nella preparazione e a caccia di conferme in vista del prossimo inizio della stagione ufficiale, l’hanno spuntata in extremis grazie al pirotecnico gol allo scadere della loro stella Hanry Kane.

Trattandosi di una partita non ufficiale, più che al risultato, l’attenzione dei tifosi bianconeri si sarà verosimilmente concentrata sull’esordio dei nuovi acquisti e del nuovo allenatore. Pertanto andiamo a vedere nel dettaglio chi tra i bianconeri ha destato buone sensazioni e chi meno.

I PROMOSSI

BUFFON: Il condottiero di tante battaglie, di ritorno dalla stagione di esilio a Parigi, ricorda subito a tutti, semmai ce ne fosse bisogno, di che pasta è fatto: dapprima compie una gran parata su Son, poi con un autentico prodigio toglie dall’angolino il diagonale di Perrot. Peccato che lì a due passi si trovasse Lamela che a porta vuota fa 1-0.

CANCELO: Dato in partenza, il terzino portoghese sfoggia una prestazione di grande intensità in fase di spinta, denotando una inedita attenzione anche in copertura. Che voglia convincere società ed allenatore a non lasciarlo andare a cuor leggero?

HIGUAIN: Anche l’argentino ha un piede e mezzo lontano da Torino. Ai tifosi bianconeri almeno la consolazione di vederlo per l’ultima volta (chissà) segnare con la maglia della Juventus. Entrato nella ripresa sfoggia una prestazione di classe e grinta. Oltre al gran gol con un destro in corsa, condisce la sua prestazione con un’altra occasione, il cui diagonale finisce largo di un soffio.

RONALDO: La stella portoghese è una sentenza anche in amichevole. Suo il gol del momentaneo 2-1, non si accontenta e cerca con insistenza la porta avversaria. Di estremamente positivo c’è che sembra giovargli l’atteggiamento decisamente più offensivo apportato dal nuovo allenatore.

I BOCCIATI

SZCZESNY: Nulla di allarmante, ma non è esente dal colpe sul gran gol messo assegno al minuto 93 da Hanry Kane. Il portierone polacco si fa infatti pizzicare un pò troppo fuori dai pali sul tiro (comunque fantastico) del bomber inglese.

DE SCIGLIO: Bene in occasione del gol di Ronaldo, al quale serve un bel pallone che per il fenomeno portoghese è un gioco da ragazzi spingere in porta, ha sulla coscienza il gol del momentaneo 2-2 degli Spurs. Il suo cambio di gioco errato, peraltro nella metà campo bianconera, è da censura.

MATUIDI: Propizia il gol dell’1-0 di Lamela e perde diversi palloni a centrocampo che azionano le ripartenze fulminee degli inglesi.

RABIOT: Come il collega di reparto, si addormenta sulla pressione avversaria al 93′. Ne consegue il grandissimo gol di Kane che di prima intenzione fredda Szczesny. Al di là di questo episodio lascia comunque intravedere sprazzi di grande classe.