LO SCAVETTO – Una serie A da paura!

Condividi

 

Un campionato si è appena concluso e uno si appresta a cominciare.

In mezzo, una torrida estate e tante (forse troppe) voci di mercato.

Sembrerebbe la solita solfa. E invece no.
La stagione appena conclusa ci ha lasciato un catastrofico e diffuso malcontento: i tifosi della Juve insoddisfatti dall’ennesima eliminazione in Champions, quelli del Napoli dal “solito” secondo posto, quelli dell’Inter dalla ripetuta siderale distanza dalle prime. Senza citare, per ovvie ragioni, quelli di Lazio, Roma e Milan.

In questo apocalittico scenario, come da italiana consuetudine, a pagare sono stati gli allenatori. Juventus, Inter, Milan e Roma hanno cambiato guida tecnica. Sopravvissuti a questa ecatombe: Ancelotti a Napoli, Gasperini a Bergamo e Simone Inzaghi a Roma, sponda Lazio.

Piazze diverse, panchine girevoli ma un unico minimo comune denominatore. Tutti o quasi tutti i tecnici delle big italiane quest’anno avranno un nemico in più: l’immagine degli spettri che aleggiano spaventosi e misteriosi sulle loro panchine!

Sarà una Serie A degna di un film di Hitchcock.
Una serie A da paura.

Sarri dovrà fare i conti con il fantasma di Allegri. I tifosi della Juve sono abituati a vincere senza convincere. La vittoria, per loro, è l’unica cosa che conta. Riuscirà Maurizio a vincere lo spettro del pragmatismo che aleggia sulla sua panchina?

Altra panca altro spettro. Conte all’Inter affronterà, come i suoi illustri predecessori, il longevo fantasma di Mourinho e del suo triplete. Pare che questa misteriosa entità portoghese si aggiri tra i corridoi della Pinetina da quasi un decennio. Riuscirà il buon Antonio a riportare un trofeo ad Appiano?

Ancelotti, poverino, ormai ci ha fatto un po’ il callo col suo fantasma: Maurizio Sarri. Ci lotta strenuamente da oltre un anno. Ma il tecnico di Reggiolo ha una difficoltà in più: pare che l’entità di Maurizio si avvalga di una clamorosa schiera di aiutanti, le famosissime vedove sarriste, vere e proprie sette di tifosi vittime dell’abbandono del calcio champagne proposto dal proprio mentore. Carlo, intanto, da uomo fortunato, quest’anno godrà di un potente antitodo anti-vedova: il tradimento del suo predecessore, trasferitosi agli acerrimi rivali bianconeri.

Non se la passerà di certo meglio Giampaolo al Milan. Di notte, sentirà probabilmente bussare alla sua porta i fantasmi dei tanti, troppi tecnici accostati al Milan prima del suo avvento. I tifosi rossoneri hanno assistito mal volentieri all’arrivo di un allenatore di grido come Antonio Conte ai cugini nerazzurri. Toccherà ripartire non dal nome ma dalle idee, quelle che di certo a Giampaolo non mancano: riuscirà nell’impresa?


Infine il tecnico su cui, forse, grava l’impresa più ardua è Fonseca, alla sua prima esperienza in Italia.
Se la vedrà “nientepopodimenoche” coi fantasmi di Totti e De Rossi, di quella Roma scippata ai romani. Non vorrei essere nei suoi panni neanche nel ruolo di acaro. Gli basterà la maschera di Zorro per affrontare tutte queste incognite spaventose?

Adesso, tifosi di tutta Italia, tenetevi stretti, afferrate la mano di chi vi sta accanto, nascondetevi pure se è il caso, ma rimanete vigili: gli spettri potrebbero presto cercare anche voi.

Sarà una Serie A da paura.