ESCLUSIVA #LBDV – Fiorentina, il terremoto Commisso cambia il futuro di Chiesa: tutti i dettagli e i retroscena

Calciomercato Fiorentina Inter Juventus Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Sarà una lunga estate quella di Chiesa. La  Fiorentina, al centro di una mega-trattativa per il passaggio delle quote di maggioranza dalla famiglia Della Valle al magnate americano Rocco Commisso, si trova in una delicatissima situazione che si riflette anche sulle trattative di mercato.

I due calciatori più vicini alla cessione erano Jordan Veretout, in accordo col Napoli da tempo, e poi lui, l’enfant prodige e figlio d’arte, Federico Chiesa, che da tempo ha un accordo con la Juventus. A gennaio scorso i Della Valle avevano anche raggiunto un accordo di massima con la società bianconera, accordo che però andava formalizzato e definito.

Da quel che risulta dall’interno delle cose di Casa Viola, Commisso potrebbe aver fermato tutto, bloccando di fatto una cessione che era ormai data per certa e considerata cosa fatta. “Vendo Chiesa come biglietto da visita appena entrato?”, avrebbe confidato il magnate a stelle e a strisce, che sul tavolo della discussione avrebbe portato anche l’affaire Chiesa ai Della Valle. Detto, fatto.

 

E’ di ieri il comunicato della società gigliata, giudicato da più parti inutile e persino senza senso, dato il corso degli eventi, che “blinda” Chiesa. Addirittura un comunicato ufficiale per dire al mondo che “Chiesa resta”. Perché mai? Le voci di dentro raccontano di una accesa discussione tra attuale proprietà e acquirente, con al centro il futuro di Chiesa, Commisso avrebbe voluto una presa di posizione formale del club gigliato, prima del suo ingresso ufficiale: “Dite voi che lo avete venduto, io non c’entro e non voglio passare alla storia come il nuovo proprietario che ha venduto un gioiello di famiglia”.

A quel punto i Della Valle si sarebbero irrigiditi, tanto da decidere di uscire con un comunicato così stringente e con toni così perentori: “Chiesa resta alla Fiorentina”. Tradotto: noi non abbiamo venduto Chiesa, da ora in poi non è responsabilità nostra.

L’affare Chiesa – Juventus (con nostra Esclusiva uscita) , quindi, si complica e non poco. Il calciatore, tra l’altro, sarebbe disposto anche a rimanere alla Fiorentina e a non arrivare allo strappo con l’ambiente. La variabile è il papà: ci raccontano di un Enrico Chiesa, sempre più deciso e convinto a portare via il figlio da Firenze e che da un mese starebbe pressando entourage e club interessati a farsi avanti per formulare un’offerta alla società gigliata.

Ora, col passaggio delle quote azionarie, la vicenda si fa più ingarbugliata che mai, in quanto né la “vecchia” proprietà, né la nuova vogliono assumersi la responsabilità di “aver venduto Chiesa” davanti ad una tifoseria parecchio arrabbiata per come sono andate le cose sul campo, in questa stagione.

Pare che negli ultimi giorni papà Chiesa si sia sentito anche con Antonio Conte, suo amico da anni, per chiedergli di affondare il colpo sul figlio e di portarlo all’Inter. Conte lo prenderebbe subito, anche perché Chiesa interessa all’Inter da un anno o più, ma ora ci sarà da fare i conti con le “cose interne” di casa Fiorentina.

Chiesa alla Juve era cosa praticamente fatta, con tanto di accordo tra calciatore e Juventus e tra Juve e Fiorentina. Fino a ieri. Da questo momento in poi tutto può accadere, sia che il calciatore rimanga un altro anno a Firenze, al momento ipotesi probabile, sia che esca allo scoperto per andar via ed a quel punto sarà corsa a due tra Inter e Juve.