Sampdoria – Genoa 2-0, la lanterna se l’aggiudicano i doriani

Condividi

Grandi emozioni in quel di Genova, oggi alle ore 15.00. In programma, per la trentaduesima giornata di campionato, c’era il Derby della Lanterna, lo storico incontro che mette di fronte le due compagini genovesi, la Sampdoria ed il Genoa. Gli uomini di Giampaolo, ancora in lotta per le posizioni europee – seppur dinanzi ai doriani si presenti un difficile cammino – avevano l’onere di guadagnare i tre punti, pur di avvicinarsi alle altre compagini; d’altra parte il Genoa, che ormai salvo aveva poco altro da chiedere alla classifica, non avrebbe lasciato vita facile ai propri cugini.

PRIMO TEMPO

La Samp parte fortissima, e dopo soli tre minuti riesce ad insaccare il goal del vantaggio: Fabio Quagliarella triangola alla perfezione con Gregoire Defrel, che riesce ad insaccare nell’angolino basso il portiere Radu. La partita riprende e, come ci si poteva aspettare, si incattivisce: più volte il direttore di gara, Calvarese, è costretto a spezzare il gioco per evidenti infrazioni di gioco. Se, da una parte, il Genoa è la compagine più “dura”, è ancora la Sampdoria a mostrarsi offensiva: stavolta è Praet, al 28′, a tirare in porta con una volèe; il suo tiro esce fuori di poco. Il match continua senza grosse sorprese, ed il primo tempo termina così: 1-0 per la Sampdoria.

SECONDO TEMPO

La prima grande occasione del secondo tempo arriva al 50′: Biraschi colpisce in area il pallone con la mano. Il centrale del Genoa viene espulso, e Calvarese assegna il rigore alla Sampdoria. Fabio Quagliarella non sbaglia: raddoppio Doria, 2-0. La partita non riserva altre grandi emozioni, se non per due azioni dove i blucerchiati hanno avuto la possibilità di aumentare il numero di goal: prima Ramirez, al 68′, che non riesce a battere Radu; poi di nuovo Quagliarella nei minuti finali di gioco, che a tu per tu con il portiere si fa ipnotizzare da Andrei Radu. Il match, dunque, termina così, 3-0: la squadra di Giampaolo ottiene tre punti molto importanti in chiave Europa, mentre il Genoa non può che leccarsi le ferite, senza aver ottenuto un successo che avrebbe solamente fatto felici i tifosi.