#LBDV – I golden boy candidati al pallone d’oro

Condividi

Senza troppi giri di parole possiamo tranquillamente che siamo arrivati alla fine di un’era, in cui rapidamente è già cominciata un’altra sovrapposta alla precedente. Ronaldo e Messi sono ormai over 30 e tocca, quindi, individuare i possibili nuovi eredi candidati a contendersi il prestigioso Ballon D’Or.

Luka Modric è stato il primo ad aggiudicarsi il titolo di spodestatore. Una sorpresa per tutti ma forse non così sorprendente. Una stagione giocata alla grande, culminata poi con un grande traguardo sicuramente meritato. La sua vittoria ha fatto comunque molto discutere: alcuni credevano che a meritarlo fosse uno Mbappé e Griezmann, o persino Varane: tutti e 3 protagonisti con la loro nazionale ai mondiali dello scorso anno. Mbappé, nonostante la sua giovane età, si è già presentato alla corte dei fenomeni per mostrare la propria grinta e allo stesso tempo la grande umiltà. Un talento naturale, decisamente incredibile, che si aggiudica senza ombra di dubbio il titolo di Golden Boy, candidandosi alla riscossa del Pallone d’Oro.

Scavando nel City di Pep Guardiola possiamo individuare un altro possibile guerriero che ha dimostrato enormi qualità, sia con il club che con la nazionale. Il Pallone d’Oro sfugge alla Germania dal 1996, quando Matthias Sammer riuscì a superare il grande Ronaldo Il Fenomeno di un solo punto. Nel futuro non molto lontano, un tedesco ci entra di diritto: Leroy Sané. La sua rapidità e la sua forza fisica, unite ad una straordinaria tecnica, lo candidano a puntare a quella sfera dorata che in tanti ambiscono. Ma soltanto pochi Re Artú sono riusciti ad estrarre la spada nella Roccia.

Il terzo golden boy arriva dalla Spagna, dove attualmente gioca, ma la sua nazionale di origine è il Brasile. Vinicius Jr. merita di essere menzionato per le straordinarie doti che a soli 19 anni è riuscito a mostrare. Peccando di esperienza, il brasiliano è in leggero svantaggio rispetto ai suoi rivali sopracitati. Oggettivamente le sue qualità non possono essere messe in discussione, tanto che lo stesso ragazzo si è autocandidato a futuro pallone d’oro, il titolo più bramato dai giovani campioni. E se la Champions e il Mondiale sono traguardi abbastanza complessi da raggiungere, il Pallone d’oro rappresenta il sogno, l’utopia di chi vive questo sport sulla propria pelle.

In minoranza ci sono anche altri nomi che meritano sicuramente una menzione, ma che hanno bisogno di fare ulteriore esperienza e affinare le proprie capacità prima di contendere ad un premio così importante. Parliamo di Sancho, Joao Felix, Paquetà, Zaniolo e tanti altri giovani calciatori che in questi anni si sono messi in discussione alla grande.

Sta di fatto che il Ballon d’Or è un premio assolutamente prestigioso che tantissimi grandi campioni del passato sono riusciti ad ottenere, lasciando spazio ai campioni del presente che si alzeranno dal trono per far sedere i campioni del futuro. Ogni calciatore che abbiamo menzionato merita un posto in quella corte, dove hanno vissuto le leggende del calcio. Un’era sta giungendo al termine ed è il momento di aprire le persiane per dare spazio alla luce di questa nuova alba.