Un Napoli in balia del Barca perde 0-4, le pagelle motivate

Condividi

Un Napoli irriconoscibile esce sonoramente sconfitto dalla seconda sfida contro il Barcellona. La tournée americana si chiude con un rotondo 4-0 per i catalani che nei 20 minuti iniziali del secondo tempo chiudono la pratica. Gli azzurri spesso in affanno, a parte un discreto primo tempo, non sono mai pericolosi denotando carenza di almeno un paio di calciatori di spessore. Tra due settimane inizia il campionato, c’è il tempo di intervenire sul mercato mentre la squadra, smaltito il fuso orario, può iniziare a pensare all’inizio della nuova stagione.

Di seguito le pagelle motivate degli azzurri.

Meret: Voto 5.5 Capitola 4 volte senza  grossissime responsabilità. Su due dei quattro gol incassati poteva forse fare qualcosa in più ma grazie al suo contributo il Napoli tiene lo 0-0 nel primo tempo

Hysaj: Voto 4.5 Il Barcellona imperversa dalle sue parti e dal suo lato nascono le maggiori insidie. Perde spesso il diretto avversario e su una diagonale abbozzata nasce, seppur in fuorigioco, la rete del 2-0 (dal 61′ Di Lorenzo: Voto 5 Entra quando la gara è virtualmente finita ma contribuisce alla disfatta non mettendo nulla di suo)

Ghoulam: Voto 5.5 Disputa una gara senza lasciare il segno, qualche buona incursione la fa ma non sposta gli equilibri (dal 61′ Mario Rui: Voto 5 L’impegno c’è tutto ma nella mezz’ora in cui sta in campo commette falli a ripetizione, rimedia un giallo e contribuisce a beccare il quarto gol non riuscendo a recuperare la posizione)

Allan: Voto 6,5 Se il Napoli resta vivo un tempo é solo grazie a lui. Ha forza e temperamento nonostante i pochi allenamenti nelle gambe. La mancanza di un sostituto con le sue caratteristiche preoccupa tifosi e addetti ai lavori (dal 45′ Zielinski: Voto 5,5 Nel primo tempo si sente la sua mancanza, mancano le sue geometrie e la robustezza che sa dare al centrocampo. Gioca una ripresa con la squadra subito in balia dell’avversario e anche lui naufraga)

Manolas: Voto 6 Disputa gli interi 90 minuti e lo fa con personalità e grinta. Ha colpa sull’ultimo dei 4 gol ma salva il risultato molto più spesso

Chiriches: Voto 6 Diligente, concreto e anche stilisticamente gradevole, non manca qualche sbavatura ed al solito rischia un po troppo quando prova ad uscire palla al piede. Dal suo piede nasce qualche buona iniziativa offensiva (dal 45′ Luperto: Voto 4.5 Il giovane azzurro continua a proporre prestazioni altalenanti, almeno 2 dei 4 gol nascono da suoi errori)

Callejon: Voto 5 Se anche lui stecca la dipartita é scontata. Non riesce ad intendersi con Hysaj dando vita ad una delle reti spagnole, in fase di spinta non offre il solito contributo commettendo qualche sbavatura anche in veste di assistman

Fabian Ruiz: Voto 5 Un pò per il ritardo di preparazione un pò per il ruolo che poco si addice alle sue caratteristiche non offre un contributo positivo. Sbaglia un gol facile a fine primo tempo che probabilmente avrebbe dato un impronta diversa al match

Verdi: Voto 4.5 Anche se schierato in una posizione a lui più confacente stecca in malo modo. Probabilmente è già con la testa altrove ed in campo non ne indovina una. L’unica cosa di rilievo è l’assist per Fabian che spreca (dal 67′ Gaetano: S.V. Entra nel momento peggiore e partecipa con confusione alla baraonda senza schemi. Sarebbe ingeneroso valutarlo)

Mertens: Voto 5 Il belga al pari di tutti non riesce ad incidere. Il Barcellona gioca sul serio e lui lì davanti rimane isolato senza supporto. La corsa e l’impegno ci sono ma non bastano

Elmas: Voto 5 Collocato in una zona di campo che evidentemente non gli si addice crolla quasi subito. Non ha particolari colpe ma di certo non offre il contributo che si potesse aspettare (dal 45′ Insigne: Voto 5 Una gara che gli rovina l’onomastico, entra nella ripresa e resta isolato davanti, ci prova pure ma nessuno lo supporta)

Ancelotti: Voto 5 Un pò per sperimentare alternative tattiche un pò per la mancanza di alternative tecniche mette in campo una formazione che non riesce a dare nulla. Valverde comanda ai6suoi partita vera e il Napoli la partita la subisce per 90 minuti. Urgono rinforzi in attesa della forma migliore