#LBDV – Torino, Castillejo intrigo di mercato

Condividi

Samu Castillejo, di certo, non rimarrà al Milan. Una scelta prevedibile, quella della società rossonera: il calciatore è un esterno puro, una tipica ala da 4-3-3; caratteristiche tecniche che difficilmente si sposano con il progetto di Giampaolo, nuovo tecnico dei rossoneri, più orientato al gioco stretto ed al fraseggio tra compagni.

Schemi e logiche di mercato

Il classe ’95, dunque, può ormai essere considerato in esubero, tra le fila del Diavolo. Una decisione che, d’altro canto stride un po’ con le logiche di mercato; Castillejo, del resto, era stato acquistato solo la scorsa estate dal Milan, che aveva sborsato al Villareal circa venticinque milioni di euro. La stagione dei rossoneri, d’altro canto, è stata costellata di alti e bassi, ed anche lo spagnolo ha risentito della poca stabilità in spogliatoio. In trentuno match, ha segnato solo quattro goal, fornendo ai compagni due assist.

L’addio di Gattuso e l’avvento di Giampaolo, come detto, ha portato anche ad una rivisitazione degli schemi di gioco. Il tecnico di Bellinzona ama giocare con uno 4-3-1-2 molto stretto, con il trequartista quasi a fare la mezza punta, ed le due mezzali che spesso si spingono in avanti. Un metodo di gioco di certo improntato su forti verticalizzazioni e rapido fraseggio; un metodo di gioco da cui Castillejo non può che essere inevitabilmente escluso. 

Il Torino vuole Castillejo, Castillejo la Spagna

E’ qui che si inserisce l’interesse del Torino. Cairo ha fatto sapere ai dirigenti rossoneri che vorrebbe, senza alcuna remora, intavolare una trattativa per il prestito con obbligo di riscatto dello spagnolo. Una soluzione che potrebbe essere considerata un’alternativa a Simone Verdi, visto anche il prezzo – molto alto – che De Laurentiis ed il Napoli chiedono per il proprio tesserato.

Le volontà di Castillejo però sono orientate verso la Spagna. Di certo, l’iberico non può dirsi contento della sua avventura italiana, e vorrebbe tornare in patria, dove troverebbe un calcio più affine al suo stile di gioco. Su di lui, così come il Toro, appare forte anche il gradimento del Valencia, già espresso da qualche settimana, e del Villareal, che segnerebbe un vero e proprio ritorno a casa per l’esterno rossonero. Riuscirà il Torino a superare l’interesse delle concorrenti?