#LBDV – Cosa dovrebbe fare Federico Chiesa?

Condividi

Federico Chiesa. Un nome che, seppur nato da poco, fa già scalpore tra gli ambienti calcistici di tutto il mondo. Federico Chiesa è uno dei prospetti più interessanti del mondo, inutile negarlo. Ben piazzato fisicamente, ma anche agile, è un esterno a tutta fascia, di gamba ma anche di qualità.

Ed è indubbio, quindi, che un talento di questo tipo non possa che interessare un po’ a tutti.

Messaggi d’amore per Chiesa

E’ da tempo, ormai, che Federico Chiesa è iscritto sulla lista acquisti di molti club. In Italia, come noto, in pole position è da tempo la Juventus, forte anche dell’influenza che ha nel Bel Paese, seguita a ruota dall’Inter, con Zhang intenzionato a costruire, negli anni a venire, una delle realtà più forti del panorama calcistico europeo. Si parlò, tempo addietro, anche del Napoli, ma i partenopei, poi, hanno deciso di virare su altri obiettivi.

Più staccate, ma sempre in agguato, ci sono anche le società di Premier League, forti di fondi ed appeal calcistico. In particolare, nelle ultime settimane si erano riscontrati gli interessamenti di Liverpool Tottenham. Un bel guaio, per le italiane, soprattutto per la potenza economica delle società d’oltremanica, che garantirebbero alla Fiorentina un lauto riscontro economico – migliore, di certo, rispetto alle proposte italiane.

Commisso fa muro… per ora

placare gli animi, almeno al momento, ci ha pensato Rocco Commisso. Il neo presidente della Fiorentina ha coraggiosamente ammesso: “Chiesa non sarà il nostro Baggio, ho tutta l’intenzione di tenerlo”. Ripetuta a mo’ di rosario nelle ultime interviste, questa frase è diventata un po’ il motto dell’italo-americano. 

Quanto c’è di vero dietro le parole di Commisso? Tutto e niente. Seppur sia vero, certo, che la nuova società viola, insediatasi poche settimane fa, non abbia alcuna intenzione di cedere Chiesa – almeno per quest’anno, ndr -, le vie del mercato sono molteplici. L’estate è lunga, il calciomercato pure: se arriverà un’offerta, anche silenziosa, la Fiorentina la valuterà, a prescindere dalle circostanze o dalle belle frasi dette ai giornalisti. Che, poi, si riesca a convincere Commisso è un altro paio di maniche. 

Certo è che però l’interesse per Chiesa è molteplice, tanti sono i club su di lui, e molti posseggono ottime disponibilità economiche. Ciò che può frenare la potenziale trattativa, dunque, è davvero solo la volontà della società di trattenerlo a Firenze. Ma gli italo-americani riusciranno ad essere saldi nelle loro convinzioni?

Cosa dovrebbe fare Federico Chiesa?

La domanda, dunque, sorge spontanea: “Cosa dovrebbe fare Federico Chiesa?”. Di certo, così come il talento, il ragazzo ha anche dei difetti. Uno su tutti – e che piace davvero a pochi – l’innata tendenza a gettarsi in terra senza contatto.

Di certo, al ragazzo servirebbe un club in cui esprimersi e maturare. Difficilmente potrà farlo a Firenze, con una realtà che forse potrà diventare qualcosa in futuro, ma che attualmente non gli garantirebbe tante chance di mettersi in luce. D’altro canto, non servirà un tecnico qualunque per gestire e modellare il suo talento: servirà qualcuno che, piuttosto che allenarlo, lo aiuti a crescere, a maturare, sia sotto l’aspetto qualitativo che mentale.

Una destinazione giusta, per Chiesa, potrebbe essere l‘Inter. Con Conte, infatti, Chiesa troverebbe un tecnico che lavora molto sul piano mentale, che non lascia i propri calciatori a fare ciò che vogliono in campo, ma che devono spingere sull’acceleratore fino all’ultimo secondo del match. Un tecnico che, del resto, permetterebbe lui di crescere, come detto, non solo sul piano tecnico, ma anche su quello mentale, modellando il talento e facendo sì che il ragazzo esprima tutte le sue qualità.