#LBDV – Roma, ecco cosa è successo a Trigoria tra tifosi e società

Condividi

“Volevamo qualcuno che ci spiegasse questa scelta”: queste, in summa, le richieste dei tifosi della Roma, che oggi si sono accalcati alle porte di Trigoria per protestare contro la scelta di mandar via Daniele De Rossi dalla squadra.

Baldissoni sembrerebbe abbia cercato di prendere in mano le redini della situazione, invitando un tifoso – in rappresentanza dei circa duecento ultrà presenti fuori ai cancelli del centro sportivo – nel suo ufficio. Al netto, però, delle rimostranze dei supporter, dal Fulvio Bernardini sono usciti Claudio Ranieri, Dario Massara e proprio Daniele De Rossi, che ha interrotto la sua seduta di allenamento.

La colpa dell’addio del testaccino e di DDR? “De Testagrigia” – James Pallotta, proprietario del club, ndr. Secondo quanto si è compreso dalle parole di Ranieri, è stato proprio il presidente dei giallorossi a porre il veto sulla loro permanenza in squadra. “Più che andarcene, non possiamo fare. Se mi chiameranno per rinnovare il contratto, non lo farò per dignità”, ha rincarato Ranieri.

Anche De Rossi sembra abbia voluto dire la sua: “Se voi me lo chiedete, io posso rinunciare ad andare in qualsiasi squadra e smettere di giocare. Ve lo prometto qui, davanti a voi”.