#LBDV – La Juventus e il figliol prodigo

Un sogno per tutti i tifosi juventini sarebbe il ritorno di Paul Pogba a Torino. Uno che con la Juventus ci è cresciuto‚ sfruttando l’occasione bianconera come trampolino di lancio per il ritorno a Manchester. Dopo solo 3 stagioni con i Red Devils‚ la sua seconda avventura potrebbe terminare. La Juventus è sempre un’opzione gradita dal francese ed un suo ritorno non è poi così impossibile. Alla possibilità torinese‚ si aggiunge la suggestione madrilena‚ ora più viva che mai nelle voci di mercato. Ma sappiamo benissimo che il gioco del telefono senza filo spesso ha portato a conclusioni assurde.

Adesso‚ però‚ le cose potrebbero essere più complicate‚ a causa della presenza di un grandissimo francese sulla panchina dei Blancos. Alla sua seconda era come tecnico del Real Madrid‚ Zidane potrebbe convocare il francese verso la Spagna‚ attraendo a sé anche il giovanissimo Kylian Mbappé. I due vincitori del mondiale potrebbero certamente essere attratti dalla quasi onnipotenza di un nome come il Real Madrid. Però‚ l’idea Juventus probabilmente nella testa di Labile è molto più che una semplice suggestione. Anche alcuni ex calciatori‚ nonché connazionali di Paul avrebbero confermato questa voglia di partire e di “ritornare dove si è stati bene“. Una seconda avventura parte seconda.

Patrice Evra spiega che il rapporto con i tifosi del Manchester è tutt’altro che rosa e fiori: “Penso che se ne andrà, perché quando giochi hai bisogno di sentire l’amore dei tifosi. Se Paul deciderà di restare un altro anno o più e poi di andarsene, forse i tifosi lo ameranno comunque. Non è che voglio proteggere Paul, ma i problemi coi tifosi lo stanno uccidendo”. Alla dichiarazione di Evra si aggiunge anche quella di Blaise Matuidi‚ inamovibile centrocampista della Juventus‚ che infiamma i tifosi bianconeri e non solo: “È un grande giocatore e tutti i grandi giocatori sono i benvenuti”. Il ritorno di Pogba in Italia non sarebbe incredibile soltanto per i sostenitori della Vecchia Signora‚ ma un grande onore per la Serie A che è alla ricerca dei campioni perduti.