Inter – Chievo 2-0, le pagelle motivate

Diamo i voti ai calciatori del posticipo di lunedì alle 21 tra Inter e Chievo.

INTER

Samir HANDANOVIC 6 – Ordinaria amministrazione, ha davvero poco lavoro da fare.

Cédric SOARES 6 – Non si fa vedere nel primo tempo. Cresce nella ripresa con qualche sortita offensiva, compreso il palo colpito nel finale.

João MIRANDA 6 – Non parte benissimo, ma cresce col passare del tempo. Aiuta anche in fase di impostazione.

Milan SKRINIAR 6 – Commette qualche sbavatura non da Skriniar, ma anche questa sera l’Inter riesce a maturare l’ennesimo clean sheet della stagione.

Kwadwo ASAMOAH 6,5 – Si fa vedere in avanti, oltre a qualche recupero difensivo degno di nota come già successo ad Udine.

Matías VECINO 6 – La sua arma migliore è l’inserimento, ma questa volta l’uruguaiano non riesce a colpire. (dal 65’ Roberto GAGLIARDINI 6,5 – Buon impatto alla gara. Bravo ad inserirsi in area di rigore, aumentando la pericolosità dell’Inter).

Borja VALERO 6 – Sbaglia qualche passaggio che poteva costare carissimo nel primpo tempo. Aggiusta il tiro nella ripresa.

Matteo POLITANO 6,5 – Non è continuo nella sua azione, ma ha il merito di sbloccare un match che diventava sempre più difficile da gestire per l’Inter. 3 punti che possono voler dire tanto. (dal 62’ Antonio CANDREVA 6,5 – Entra nell’occasione del gol di Perisic, sfiora lui stesso il gol).

Radja NAINGGOLAN 6,5 – Ci mette impegno. Ogni volta che tocca palla, è un pericolo per il Chievo.

Ivan PERISIĆ 7 – Il più continuo e pericoloso dell’Inter, anche se sbaglia qualcosa di troppo in area di rigore. Firma comunque il gol della sicurezza.

Mauro ICARDI 5,5 – È nel vivo dell’azione, ma non riesce a sfondare la porta, ancora una volta. Il digiuno continua ed è una cosa che lo blocca dal punto di vista mentale. (dal 79’ Martínez LAUTARO sv – Tocca pochi palloni, non riesce ad incidere).

CHIEVO

Adrian SEMPER 6,5 – Un po’ troppo fermo sul gol di Politano, poi para tutto o quasi.

Fabio DEPAOLI 5,5 – Sulla fascia combina poco. Non dà una grossa mano alla fase difensiva.

Nenad TOMOVIĆ 5,5 – Non sempre preciso in area di rigore, anche se non sfigura davanti ad Icardi. (dal 78’ Pawel JAROSZYNSKI 5,5 – Si mette a destra al posto di Depaoli, ma anche lui combina poco. Anzi, lascia semaforo verde a Perisic).

Bostjan CESAR 5,5 – Qualche sbavatura di troppo in area di rigore.

Mattia BANI 6,5 – Il migliore del reparto difensivo. Dà una grossa mano ai compagni di reparto e apre bene il gioco in avanti.

Mehdi LÉRIS 5 – Pasticcia a centrocampo. Poco convinto quando entra in area.

Nicola RIGONI 5 – Prova a metterci grinta a centrocampo, ma finisce per farsi espellere.

Përparim HETEMAJ 5,5 – Si fa preferire quando aiuta la fase difensiva. In avanti non riesce ad incidere.

Emanuel VIGNATO 6 – Qualche leziosismo di troppo, ma dimostra di avere talento. Anche a San Siro. Sfiora anche il gol del pareggio. (dall’80’ Sergio PELLISSIER 6 – Entra a 10 dalla fine e ha poche chance. Si prende comunque gli applausi di San Siro ed è un bel verdere).

Riccardo MEGGIORINI 5,5 – Poco pericoloso nella trequarti avversaria. Combina davvero poco.

Sergej GRUBAC 5,5 – Fatica a mettere palla a terra con Miranda e Skriniar che gli lasciano poco spazio. (dal 56’ Sofian KIYINE 6 – Infila spesso e volentieri i centrocampisti dell’Inter, ma gli manca l’ultimo passaggio).