Frosinone 1-3 Inter, le pagelle motivate

L’Inter batte il Frosinone e ritorna sulla retta via. Ora l’Europa è sempre più vicina. Ecco le nostre pagelle:

Frosinone

Marco SPORTIELLO 6,5 – Fa quel che può per fermare gli attaccanti dell’Inter. Prende incolpevolmente tre gol, ma ne evita un altro paio con bravura.

Edoardo GOLDANIGA 6 – Il migliore dei tre centrali. Gioca con serietà e attenzione e raramente si fa superare dalle incursioni di Perisic.

Lorenzo ARIAUDO 5,5 – Limita bene Icardi, impedendo all’argentino di avere a disposizione vere palle gol, ma nel finale del primo tempo si lascia scappare banalmente Politano verso la porta.

Marco CAPUANO 5,5 – In difficoltà quando l’Inter avanza verso la propria area. In coppia con Ariaudo si perde Nainggolan, che firma lo 0-1.

Luca PAGANINI 6 – Elettrico, brillante, anche se un po’ pasticcione nelle scelte. Ha la palla dell’1-1, ma di testa non trova la porta.

Francesco CASSATA 6,5 – ll migliore del Frosinone. Discreto anche nel primo tempo con qualche buona sventagliata, segna il gol che riapre la contesa (dal 63′ Camillo CIANO 6 – Si rende quasi subito pericoloso su punizione, non centrando la porta)

Raman CHIBSAH 5 – Regia legnosa, copertura difficoltosa per una buona fetta di partita. Affossa Skriniar in area, inducendo Massa a concedere il calcio di rigore all’Inter.

Luca VALZANIA 5,5 – Si scambia spesso di posizione con Cassata, salendo di tono nella seconda parte di gara. Nella prima, in collaborazione con Ariaudo, aveva lanciato Politano verso la porta (dall’82’ Raffaele MAIELLO s.v.)

Andrea BEGHETTO 6,5 – Sforna un’infinità di cross che, per sua sfortuna, gli attaccanti non gestiscono nel migliore dei modi. Piede più che apprezzabile.

Andrea PINAMONTI 5 – Contro la squadra che ne detiene il cartellino prova disperatamente a mettersi in mostra, ma è costretto ad allargarsi e non punge mai (dall’88’ Federico DIONISI s.v.)

Daniel CIOFANI 5 – Stretto nella morsa dei difensori avversari, e penalizzato da una tecnica non eccelsa, non si rende mai pericoloso. Corpo estraneo alla manovra del Frosinone.

Inter

Samir HANDANOVIC 5,5 – Non esattamente reattivo sul tiro da fuori di Cassata che vale l’1-2. Ovvero l’unica conclusione seria del Frosinone verso la sua porta.

Danilo D’AMBROSIO 7 – Bellissimo il duello diretto con il propositivo Beghetto. Risponde da par suo e, quando si sgancia, dimostra di essere in serata col gran cross che manda a segno Nainggolan.

Stefan DE VRIJ 6 – Punteggia la propria gara con qualche errorino, sia in disimpegno che in marcatura, ma sui cross dalle fasce è sempre presente.

Milan SKRINIAR 6,5 – A differenza di de Vrij, sbaglia poco o nulla. Mette il bavaglio a Ciofani e a Pinamonti e si fa fare fallo da Chibsah nell’azione del rigore.

Kwadwo ASAMOAH 6 – Soffre qualcosa con Paganini, cavandosela comunque con l’esperienza. Meno bene negli appoggi in orizzontale, in un paio di casi regalati agli avversari.

Borja VALERO 6,5 – Regia ordinata, geometrica, apparentemente banale ma preziosissima. Si fa vedere continuamente, giocando al meglio tanti palloni (dal 74′ Roberto GAGLIARDINI s.v.)

Matias VECINO 6,5 – Partecipa bene alla manovra in una prima frazione dominata. Cala nel secondo tempo, ma con un ultimo guizzo vincente chiude i conti.

Matteo POLITANO 6 – Buon primo tempo, in concomitanza con quello dell’Inter, ma Sportiello gli nega il gol prima dell’intervallo. Meno in partita nella ripresa (dall’89’ João MARIO s.v.)

Radja NAINGGOLAN 6,5 – In forma. Cerca più volte la porta e trova un gol che gli mancava da due mesi. Tatticamente prezioso, indiavolato nel pressing, sempre coinvolto nella manovra.

Ivan PERISIC 6 – Mostra buoni lampi, ma si accende a intermittenza. Il rigore freddamente trasformato gli consente di arrivare alla sufficienza (dal 70′ Balde KEITA 6 – Con una bella azione serve Icardi, che a porta vuota spreca)

Mauro ICARDI 5,5 – Non ha molti palloni giocabili e quei pochi li spreca, uno dei quali in maniera grottesca. Eleva parzialmente la propria valutazione con l’assist per Vecino.